ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

ETA: mediatori internazionali premono per fine lotta armata

Lettura in corso:

ETA: mediatori internazionali premono per fine lotta armata

Dimensioni di testo Aa Aa

Il più grande gruppo armato nel cuore dell’Europa deve deporre le armi e abbandonare la violenza, per sempre. A San Sebastian, nel Paese Basco spagnolo, mediatori internazionali di alto profilo hanno concluso la conferenza sul separatismo basco chiedendo all’ETA di mettere fine a oltre 40 anni di lotta armata. “Domandiamo all’ETA – ha detto l’ex-premier irlandese Bertie Ahern – di fare una dichiarazione pubblica per una cessazione definitiva della lotta armata e di chiedere ai governi di Spagna e Francia l’apertura di negoziati che si occupino esclusivamente delle conseguenze del conflitto”.

Assente il governo spagnolo, oltre all’ex-premier Bertie Ahern, alla conferenza hanno preso parte anche altre figure di spicco protagoniste del processo di pace nordirlandese. Una voce comune per spingere l’ETA – considerata organizzazione terroristica oltre che dalla Spagna, dall’Unione europea e dagli Stati Uniti – a chiudere un capitolo costato la vita a più di 800 persone.

“Vite spezzate”, come il titolo di un libro consegnato ai mediatori dai famigliari delle vittime: “Queste persone, venute dall’Inghilterra, dal Sudafrica, dalla Francia, dalla Germania – ha detto Consuelo Ordoñez, sorella di una vittima dell’ETA – non sanno nulla della storia recente di questo Paese, della storia di terrore di questo Paese, una storia dove gli uni uccidono e gli altri seppelliscono i morti”.

In passato l’Eta ha decretato cessate il fuoco “permanenti”, poi disattesi. Ora, da sempre più parti, si vuole la parola fine.