ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bruxelles chiude le porte al presidente ucraino Yanucovich

Lettura in corso:

Bruxelles chiude le porte al presidente ucraino Yanucovich

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Unione europea ha posticipato la visita del presidente ucraino Victor Yanucovich prevista giovedì a Bruxelles. Dopo la condanna a sette anni di carcere dell’ex premier ucraino Timoshenko, l’Europa spera di spingere Kiev a garantire una maggiore indipendenza del sistema giudiziario.

“L’incontro è stato posticipato a data da definire – ha spiegato Karolina Kottova, portavoce della commissione europea-quando ci saranno migliori condizioni per le relazioni l’Unione europea e l’Ucraina”

In tutta risposta il Parlamento ucraino ha annullato il voto su un emendamento che avrebbe potuto depenalizzare il reato, per cui è stata condannata Julia Timoshenko.

Per l’Unione europea la sentenza è stata puramente politica. Spiega l’eurodeputato Paweł Kowal che guida la delegazione con l’Ucraina:

“Dobbiamo spedire all’opinione pubblica di Kiev un messaggio molto forte: il rispetto dei diritti umani e le relazioni tra l’opposizione e il governo sono la base della democrazia”.

In precedenza in un’intervista esclusiva ad Euronews, il presidente ucraino Victor Yanucovich, ha ribadito che la Timoshenko è comunque una criminale: “Il caso Timoshenko è una violazione della legge penale, le tasse non sono state pagate, il bilancio ucraino ci ha rimesso, il gas è stato importato e venduto ai consumatori e lo stato ha sofferto gravi perdite”.

A rischio ora è l’accordo di associazione e di libero scambio tra Unione europea e Ucraina. Un accordo importante atteso da entrambe le parti, ma che il verdetto Timoshenko potrebbe congelare.