ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Hollande: vinte le primarie, al lavoro per l'Eliseo 2012

Lettura in corso:

Hollande: vinte le primarie, al lavoro per l'Eliseo 2012

Dimensioni di testo Aa Aa

Saldo in sella dopo la vittoria alle primarie socialiste, François Hollande che corre per l’Eliseo fa la sua prima passeggiata da candidato ufficiale, una rosa alla mano.

Come Mitterand che così festeggiò la presidenza sugli Champs Elysées, nell’ottantuno.

Nessuna allusione o simbolo, solo una coincidenza a detta dello stesso Hollande che ha deposto il fiore nel luogo del massacro degli algerini, sulla Senna di cinquant’anni fa, all’epoca della guerra di indipendenza dell’Algeria.

Per tentare la scalata nel duemilaedodici a quella poltrona che dopo Mitterand fu di Jacques Chirac e ora è di Nicolas Sarkozy, la sinistra francese ha scelto il suo nome.

Davanti a sé un anno difficile, con la destra già pronta all’attacco e le divisioni interne da sanare.

“Con la sua vittoria ha guadagnato molta legittimità, a primarie di grande successo, seguite dal 79 per cento dei francesi”, commenta Frédéric Dabi dell’istituto di ricerca e sondaggi IFOP, “Ciò crea un’energia reale, una dinamica importante per Francois Hollande. La parte difficile comincia ora”.

L’appello all’unità della sinistra, prima mossa del candidato anti-Sarko, è stato immediatamente accolto dalla sfidante battuta Martine Aubry.

Tornata alla guida del partito ha promesso di serrare i ranghi socialisti.