ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Eta:40 anni di lotta armata prima di dire basta

Lettura in corso:

Eta:40 anni di lotta armata prima di dire basta

Dimensioni di testo Aa Aa

30 dicembre 2006: l’esplosione di un’autobomba fa due morti all’aeroporto di Madrid.

Con quest’attacco l’Eta, l’organizzazione terroristica basca, mette fine a una tregua di 9 mesi.

Per Madrid è la fine del dialogo.

In Spagna come in Francia, le retate delle forze dell’ordine si moltiplicano, i capi storici dell’Eta finiscono in manette, uno dopo l’altro.

Il silenzio assordante tra Madrid e Eta porta a cercare una soluzione fuori dai confini nazionali.

Nel marzo del 2010, con la dichiarazione di Bruxelles, si conferisce all’avvocato sudafricano Brian Currin il compito di creare un gruppo di contatto internazionale.

Il 10 gennaio scorso è un’Eta indebolita che decreta unilateralmente un nuovo cessate il fuoco.

Prima di riannodare il dialogo Madrid esige che l’organizzazione dica a chiare lettere che la lotta armata è finita e annunci il proprio scioglimento.

Alle parole, l’Eta fa seguire i fatti: il 23 settembre 700 prigionieri separatisti annunicano il proprio sì a deporre le armi.

Contemporaneamente l’Ekin, la vetrina politica dell’Eta annuncia il proprio scioglimento.

Il ministro spagnolo dell’Interno parla di vittoria:

Antonio Camacho, ministro dell’interno spagnolo: “I sepratatisti hanno intrapreso la via che metterà fine all’organizzazione in maniera irreversibile. Il gruppo comincia a capire che non potrà ottenere niente con la violenza”.

Il governo Zapatero ha preferito non partecipare alla Conferenza di San sebastian, Madrid assume una posizione d’attesa.

L’opposizione conservatrice condanna invece apertamente:

Antonio Basagoiti, presidente Partito popolare dei Paesi Baschi:

“Questa conferenza farà salire il prezzo della pace, rinforzerà la posizione di Batasuna e renderà lo scioglimento dell’Eta più difficile.

La conferenza di San Sebastian si tiene in piena campagna elettorale – il 20 novembre in Spagna si vota.

I sondaggi danno i conservatori in netto vantaggio.

In caso di vittoria, la destra spagnola chiede lo scioglimento incondizionato dell’Eta.

In 40 anni di lotta armata, l’organizzazione separatista ha causato la è morte di 829 persone.