ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Istanbul: un festival per il pesce azzurro minacciato di estinzione

Lettura in corso:

Istanbul: un festival per il pesce azzurro minacciato di estinzione

Dimensioni di testo Aa Aa

A Istanbul il movimento Slow Food e il governo hanno lanciato una campagna di sensibilizzazione contro la pesca selvaggia di esemplari giovani. Una pratica che ha portato a un calo dello stock. Ma la campagna ha già aperto la polemica. Un pescatore del Bosforo:

“Il pesce azzurro è un pesce migratorio. Certo quelli piccoli non vanno pescati, siamo contrari a questo, ma se non lo peschiamo noi qui il pesce azzurro lo prendono i greci. Questa gente non sa quanto pesce abbiamo esportato l’anno scorso. E’ un pesce migratorio, non gli si può dire ‘fermati’”.

I problemi sono iniziati nel 2002 quando è stato eliminato il codice che distingueva tra i giovani esemplari di 10-15 centimetri e quelli in età riproduttiva. Slow Food Istanbul ha lanciato una petizione per chiedere che ristoratori e commercianti rifiutino di vendere pesce di lunghezza inferiore ai 24 centimetri. In un mese hanno raccolto tremila firme. Eppure sulle modalità del festival è polemica.

“Per organizzare un festival su un particolare tipo di pesce, ce ne dovrebbe essere tanto, in modo che la gente lo compri e possa festeggiare – dice questo commerciante. Un pesce azzurro costa 10 euro. Non si può fare un festival se non c‘è abbastanza pesce”.

Il nostro corrispondente, Bora Bayraktar:

“Non è chiaro se il festival del pesce azzurro di Istanbul porterà a un maggiore consapevolezza, ma senza dubbio molte specie in qeust’area sono minacciate da cattive pratiche di pesca”.