ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berlusconi regge ma per l'opposizione è solo una vittoria di Pirro

Lettura in corso:

Berlusconi regge ma per l'opposizione è solo una vittoria di Pirro

Dimensioni di testo Aa Aa

Con 316 sì e 301 no il governo Berlusconi resta in piedi e ottiene la fiducia alla Camera, con la maggioranza assoluta.

“Abbiamo sventato l’agguato per non farci raggiungere il numero legale”, ha commentato il premier, bollando come “bieco” il tentativo di boicottaggio della prima chiama da parte dell’opposizione, che invece definisce l’accaduto come una vittoria di Pirro.

“Silvio Berlusconi ha i numeri per rimanere attaccato alla sua poltrona, ma non per governare”, ha detto il leader dell’Italia dei Valori Antonio Di Pietro, “In una situazione in cui c‘è solo un voto di scarto, con i peones che offrono il loro voto al migliore offerente, non potrà fare un solo provvedimento per il Paese. Al massimo farà qualche provvedimento che serve ai suoi processi”.

Sulla stessa linea il deputato del Pd Jean-Leonard Touadi: “Abbiamo enormi problemi, di natura economica, di stabilità finanziaria. Non possiamo permetterci un governo che va cercando ogni giorno voti per arrivare ad un accordo. Non penso dunque sia un successo politico per Berlusconi”.

Dopo il voto il premier è salito al Quirinale, dove ha avuto un colloquio di 40 minuti con il presidente Giorgio Napolitano.