ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berlusconi non crolla. Indignati domani in piazza, vigilia ad alta tensione

Lettura in corso:

Berlusconi non crolla. Indignati domani in piazza, vigilia ad alta tensione

Dimensioni di testo Aa Aa

Per la cinquantunesima volta il governo Berlusconi ottiene la fiducia alla Camera e va avanti, incassando 361 sì e 301 no su 617 votanti.

Il voto era stato reso necessario dalla sconfitta della maggioranza sul rendiconto dello Stato.

L’opposizione non ha partecipato alla prima chiama. L’obiettivo era non far raggiungere il numero legale. Ma cinque deputati dei Radicali si sono presentati al voto, segnando una profonda frattura in seno al Pd.

Mentre la Camera votava ci sono state manifestazioni e sit-in in tutta Roma.

Davanti al Ministero dell’Economia, in via XX Settembre, una ventina di giovani si è messa in mutande.

Fuori da Montecitorio, quando è stato reso noto l’esito del voto, alcuni studenti hanno lanciato uova e hanno urlato: “Ci vediamo in piazza domani”.

È infatti attesa per sabato una massiccia mobilitazione, che si preannuncia ad alta tensione. Gli Indignati d’Italia si uniranno idealmente a quelli che manifesteranno a Madrid ed Atene in contemporanea.

Il sindaco Gianni Alemanno ha parlato di “segnali preoccupanti” ed ha invitato i manifestanti a “non far pagare a Roma il prezzo delle proteste”.