ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuova Zelanda: riprendono le operazioni a bordo della nave incagliata

Lettura in corso:

Nuova Zelanda: riprendono le operazioni a bordo della nave incagliata

Dimensioni di testo Aa Aa

In Nuova Zelanda un team di salvataggio è riuscito a tornare sulla nave Rena grazie alle migliori condizioni del tempo. Il cargo incagliato da una settimana sulla barriera corallina al largo di Tauranga, sud-est di Auckland, potrebbe spezzarsi a causa di una grossa crepa nello scafo.

Non è stata presa ancora nessuna decisione sull’avvio delle operazioni di pompaggio del petrolio. “In ogni momento facciamo previsioni diverse, quindi prendiamo ogni giorno come viene”, afferma Bruce Anderson, dell’unità di salvataggio.“Prevediamo di essere pronti ad agire indipendentemente dal tempo che fa”.

In mare si sono già riversate 300 tonnellate di petrolio. La nave trasportava più di 1300 container, una novantina sono dispersi, tra cui uno carico di una sostanza tossica che emette gas infiammabile.

L’armatore greco proprietario del cargo ha chiesto scusa alla popolazione locale e due membri dell’equipaggio, capitano e secondo ufficiale, in libertà provvisoria su cauzione, rischiano una multa di almeno 5700 euro e un anno di carcere.

In cinquecento, gran parte militari, stanno cercando di far fronte all’impatto ecologico dell’incidente, pulendo le spiagge di cui le autorità hanno ristretto l’accesso al pubblico.