ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Liberia al voto, prime elezioni organizzate autonomamente

Lettura in corso:

Liberia al voto, prime elezioni organizzate autonomamente

Dimensioni di testo Aa Aa

Otto anni dopo la fine della guerra civile, i liberiani votano oggi nelle prime elezioni organizzate autonomamente dal Paese africano.

Circa un milione e ottocentomila persone, su una popolazione di poco più di quattro milioni, sono chiamate a rinnovare la Camera, metà dei seggi al Senato e a scegliere un nuovo presidente.

Le precedenti elezioni, quelle del 2005, furono convocate dall’ONU. Allora vinse Ellen Johnson Sirleaf, insignita pochi giorni fa del Nobel per la Pace. Divenne la prima donna in Africa a ricoprire il ruolo di capo dello Stato. Esponente del partito dell’unità, ora punta alla rielezione.

Il suo principale sfidante è Winston Tubman, del congresso per il cambiamento democratico, un avvocato con una lunga carriera all’ONU di cui è stato anche rappresentante speciale in Somalia.

Alla Sirleaf è riconosciuto il merito di aver dato stabilità al Paese, ottenendo tra l’altro la cancellazione di una parte del debito internazionale. La Liberia attrae anche nuovi investimenti stranieri, ma la povertà resta dilagante. La disoccupazione colpisce l’80 per cento della popolazione attiva.