ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le ripercussioni politiche della sentenza Tymoshenko

Lettura in corso:

Le ripercussioni politiche della sentenza Tymoshenko

Dimensioni di testo Aa Aa

La sentenza contro Yulia Tymoshenko ha scioccato l’Ucraina e sorpreso a livello internazionale.

Il pronunciamento della Corte ha provocato scontri tra manifestanti e polizia.

Abbiamo chiesto all’esperto di relazioni internazionali Vadim Karaszov quali saranno le conseguenze della sentenza sulla politica interna ed estera.

Alexandra Vakulina, Euronews:
“Questa sentenza secondo lei può causare dei problemi all’establishment ucraino?

Karasyov:
“Bé, potrebbe se Tymoshenko resterà in prigione. In questo modo sarà evidente che tutto il potere politico sarà concentrato nelle mani di Yanukovich. Avrà portato a compimento il suo regime politico. Ed è assolutamente certo che ci saranno effetti o problemi nelle relazioni tra Ucraina e Unione europea. Ci saranno anche incertezze sulla trasparenza delle elezioni parlamentari del 2012”.

Euronews:
“Nelle ultime settimane l’Unione europea ha insistito sul fatto che la giustizia ucraina ha avuto un approccio selettivo nel caso Tymoshenko. Quali sono i passi che potrebbe intraprendere l’Unione?

Vadim Karasyov:
“Emergerà la questione dell’accordo di libero scambio e di associazione con l’Unione. L’Europa potrebbe annullare la firma in queste condizioni.
Le autorità ucraine avrebbero in questo caso due opzioni: voltarsi verso l’Unione eurasiatica di Putin o lanciare colloqui bilaterali sia con la Russia sia con l’Unione per strappare il miglior accordo. Penso che se la Tymoshenko rimarrà in prigione e l’appello confermerà la sentenza, Yanukovich cercherà sostegno da Putin e chiederà prezzi inferiori per il gas come ricompensa. L’alternativa è che Yanukovich stia semplicemente a guardare se l’Europa firmerà gli accordi senza chiedere la liberazione di Tymoshenko”.

Euronews:
“Secondo la legge ucraina l’appello dovrà essere presentato entro 15 giorni. E’ possibile che la sentenza venga cambiata?

Vadim Karasyov:
“Dipenderà dalla reazione dell’Unione europea: se Bruxelles riuscirà a convincere Yanukovic a fare un passo indietro. Se invece Tymoshenko resterà in prigione, ci sarà un grosso punto interrogativo sulle relazioni internazionali dell’Ucraina e sulle scelte europee del paese”.

Euronews:
La sentenza influenzerà i rapporti tra Ucraina, Russia ed Europa in materia di gas?

Vadim Karasyov:
“Influenzerà le relazioni fra i tre paesi, ma se Tymoshenko resterà dietro alle sbarre, l’Ucraina resterà isolata ogni volta che ci saranno problemi con la Russia. Il gasdotto russo potrebbe essere condivisa tra Ucraina e Russia, ma non si tratta solo del gas. Si tratta anche di ugualianza tra Russia e Ucraina, più precisamente, del grado di integrazione dell’Ucraina nel progetto eurasiatico di Putin, presentato appena la scorsa settimana”.