ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bossi: "il 2013 è troppo lontano"

Lettura in corso:

Bossi: "il 2013 è troppo lontano"

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ meglio votare prima del 2013, è obiettivamente difficile arrivare a quella data. E’ l’ultimo segno d’agonia del governo italiano firmato Umberto Bossi. Un segnale d’allarme puntualmente ridimensionato con la professione di fede del leader del Carroccio per il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi: è lui il Premier, è lui che decide.

Mentre il Consiglio dei Ministri fornisce pane fresco alle ennesime voci sul voto anticipato – non prima d’aver riscritto la legge elettorale, specifica Bossi – si acuiscono i dissensi sulla guida di Via Nazionale e la successione a Mario Draghi che dal 1 novembre sarà Presidente della Bce.

Il superfavorito Fabrizio Saccomanni, Direttore Generale di Bankitalia, su cui punta il Premier, non trova il favore nè di Bossi nè di Giulio Tremonti che gradirebbe il suo uomo di fiducia, Vittorio Grilli, già Direttore Generale del Tesoro.