ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Abu Mazen chiede all'Europa di sostenere "la primavera palestinese" anche all'ONU

Lettura in corso:

Abu Mazen chiede all'Europa di sostenere "la primavera palestinese" anche all'ONU

Dimensioni di testo Aa Aa

“Sostenere la primavera palestinese”. E’ quanto ha chiesto il Presidente dell’ANP Abu Mazen a Strasburgo nell’aula del Consiglio d’Europa ai 47 Paesi rappresentati nell’Assise.

Abu Mazen invita l’Europa a riconoscere lo Stato palestinese e ad adoperarsi affinché il Consiglio di Sicurezza dell’ONU faccia altrettanto.

“Noi siamo per la pace, – ha detto -perché noi rifiutiamo la violenza e il terrore in tutti i suoi aspetti, specialmente il terrorismo di Stato e il terrorismo perpetrato dai coloni armati. Noi faremo abortire il loro desiderio – ha concluso – Noi non cadremo nella trappola dell’estremismo.”

Un successo diplomatico era già giunto dal consiglio esecutivo dell’Unesco che ha dato il via libera a una raccomandazione per l’ammissione a pieno titolo della Palestina nell’agenzia culturale delle Nazioni Unite.

Ma il ruolo-chiave spetta all’Europa. Ne è convinto il negoziatore di pace Saeb Erekat che pone al centro ancora una volta la questione degli insediamenti nella striscia di Gaza e in Cisgiordania

“Apprezziamo – afferma Erekat – il contributo degli europei, ma chiediamo loro di entrare in gioco attivamente. Non dico questo perché una mattina mi sono svegliato e mi sono sentito in sintonia con l’Europa. Sto parlando di geo-politica, parlando di storia, parlando di interessi. E se abbiamo bisogno di asciugare la palude dell’estremismo nella nostra regione, abbiamo bisogno di asciugare la palude di questa nuova occupazione. Crediamo che l’Europa dovrebbe essere il partner principale, il protagonista, ed è l’obiettivo al quale stiamo lavorando senza sosta”.

All’esterno della sede del Consiglio d’Europa sventola anche la bandiera della Palestina.