ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Unica via i negoziati". Da Tel Aviv, gli Usa parlano a Ramallah

Lettura in corso:

"Unica via i negoziati". Da Tel Aviv, gli Usa parlano a Ramallah

Dimensioni di testo Aa Aa

In Medio Oriente per ribadire il pressing di Washington in favore di una ripresa dei negoziati diretti fra israeliani e palestinesi.

A Tel Aviv prima di incontrare Mahmoud Abbas, il Segretario alla difesa americano Leon Panetta ha confermato al suo omologo israeliano Ehud Barak la volontà della Casa Bianca di evitare il voto all’Onu sul riconoscimento di uno Stato palestinese.

“Voglio sottolineare – ha detto – che siamo in presenza della necessità, ma anche dell’opportunità, di un’azione decisa da ambo le parti che conduca a una soluzione dei due stati. Non c‘è alcuna alternativa ai negoziati”.

Appena poche ore prima, a complicare ulteriormente il ritorno alle trattative era stato nel nord d’Israele l’ennesimo attentato incendiario ad una moschea.

La “vendetta” di cui parlano le scritte lasciate sui muri minaccia già di alimentare una spirale di ulteriori violenze.

Tra gli abitanti di Tuba Zangaria, il villaggio teatro del rogo, c‘è chi parla di “punto di non ritorno” e mette in guardia il governo dalle conseguenze dell’attacco.

Il premier Netanyahu ha condannato con fermezza, ma la frattura coi palestinesi è sullo stop agli insediamenti: per Ramallah una condizione preliminare al ritorno al tavolo dei negoziati.