ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina. Richiesti 7 anni per Timoschenko

Lettura in corso:

Ucraina. Richiesti 7 anni per Timoschenko

Dimensioni di testo Aa Aa

Sette anni di reclusione. E’ la richiesta dell’accusa nei confronti dell’ex Premier ucraino Yulia Tymoschenko, imputata per abuso di potere.

Un processo che non solo scatena le contrapposizioni all’interno del Paese ma che rappresenta il crocevia delle relazioni tra Kiev e l’Europa.

“Le motivazioni sono al 100% politiche” dice l’avvocato di Tymoschenko Sergey Vlasenko “e l’esito di questo processo dipende completamente dal Presidente ucraino e da nessun altro. E’ difficile fare previsioni ma se il Presidente ascolta l’Europa, allora la decisione sarà in favore di Tymoschenko”.

Le accuse a Tymoschenko riguardano i contratti per le forniture di gas russo nel 2009. Oleg Kalashnikov, ex deputato pro-Yaunukovich del Partito delle Regioni, si aspetta una condanna.

“Il nostro Presidente è il garante della Costituzione secondo cui la magistratura è indipendente. Un ladro, qui come in qualunque altro Paese europeo, deve andare in prigione” dice.

Il processo a Tymoschenko rappresenta una spada di Damocle per i negoziati tra Kiev e Bruxelles per la creazione di una zona di libero commercio e la possibile integrazione europea.

“E’ il giudizio spartiacque tra l’Ucraina, una zona di quasi non diritto almeno stando ad alcuni esponenti dell’Unione Europea, e il resto dell’Occidente. Un processo che vale un accordo commericiale ma anche un profondo cambiamento politico qui, all’oriente dell’Europa. Sergio Cantone, Kiev, euronews”.