ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Barroso: "Contro la crisi serve unità e volontà politica"

Lettura in corso:

Barroso: "Contro la crisi serve unità e volontà politica"

Dimensioni di testo Aa Aa

José Manuel Barroso va all’attacco. A Strasburgo, davanti all’assemblea plenaria, nel suo discorso sullo stato dell’Unione, il presidente della Commissione europea replica alle critiche di coloro che accusano la Commissione di essere prona davanti ai Paesi più forti, Germania e Francia in primis.

E proprio a Berlino e a Parigi Barroso manda a dire che dalla crisi si può uscire purché ci sia una volontà politica generale: “Perché l’area euro sia credibile – e non è una richiesta che arriva solo dai federalisti, ma un messaggio che viene dai mercati – occorre un vero approccio comunitario. Dobbiamo davvero integrare l’area euro, dobbiamo completare l’unione monetaria con un’unione economica reale”.

Barroso inoltre ha garantito che Atene è e rimarrà all’interno dell’Unione europea aggiungendo poi che è giunto il momento che la finanza renda, almeno in parte, ciò che nel passato ha ricevuto: “Negli ultimi tre anni gli Stati membri o, per meglio dire, coloro che pagano le tasse, hanno fornito aiuti e garanzie per 4600 miliardi di euro al settore finanziario. È giunto il momento che anche il settore finanziario dia il suo contributo alla società. Ecco perché sono orgoglioso di annunciare che oggi la Commissione ha adottato una proposta per la tassa sulle transazioni finanziarie che, se attuata, potrà generare un contributo di circa 55 miliardi di euro all’anno”.

Nel discorso di Barroso anche il problema della disoccupazione giovanile e il dramma degli ottanta milioni di europei a rischio povertà. Il presidente della Commissione ha rivolto un appello al Consiglio perché vengano approvati gli aiuti alimentari ai più bisognosi. Proposta bloccata dai Paesi più ricchi.