ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Yemen: ancora spari sui manifestanti

Lettura in corso:

Yemen: ancora spari sui manifestanti

Dimensioni di testo Aa Aa

Calma apparente nel centro della capitale, spari in periferia: migliaia di persone sono tornate a manifestare a Sanaa, chiedendo le dimissioni del Presidente Ali Abdullah Saleh.

Alla guida del Paese da oltre 30 anni, Saleh era rimasto ferito alcune settimane fa da colpi di mortaio sparati contro la sua residenza.

È rientrato pochi giorni fa dall’Arabia Saudita, e in un discorso televisivo ha di nuovo proposto il dialogo: parole ritenute poco credibili dall’opposizione, perché non accompagnate dall’offerta di dimissioni. E poi, dicono, Saleh si è detto pronto a firmare l’accordo proposto dai Paesi del Golfo, che anche l’opposizione ha approvato: solo che lo aveva già detto altre volte, e ogni volta ha finito per non firmare.

Una protesta nella periferia di Sanaa è finita con i manifestanti in fuga dagli spari di elementi filo-governativi.

Qualche chilometro più in là, è invece un gruppo tribale vicino all’opposizione ad attaccare una caserma ed appropriarsi delle armi. Ucciso un generale di brigata.