ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Onu, Van Rompuy: "negoziati diretti isreliani-palestinesi la priorità"

Lettura in corso:

Onu, Van Rompuy: "negoziati diretti isreliani-palestinesi la priorità"

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla 66ma assemblea generale delle Nazioni Unite si attende che venerdì il presidente dell’Autorità nazionale palestinese, Mahmoud Abbas, prenda la parola per chiedere il riconoscimento di uno Stato indipendente, ma la questione mediorientale è già un tema saliente nei discorsi.

“Ora – ha affermato il presidente del consiglio europeo Hernan Van Rompuy – la ripresa dei colloqui diretti tra israeliani e palestinesi è la priorità assoluta. tra Lo status quo non è un’opzione possibile. Il vento del cambiamento che attraversa l’intera regione dev’essere una spinta per uscire dall’impasse”.

Si è parlato molto anche di “Primavera araba”, senza dimenticare quei Paesi dove non è definitivamente scoppiata.

“Quest’assemblea – ha detto nel suo discorso il premier britannico David Cameron – ha ascoltato poco fa le parole del presidente Ahmadinejad. Non ci ha ricordato che guida un Paese nel quale ci sono una sorta di elezioni, ma dove la libertà di opinione viene soffocata, media indipendenti non esistono, le manifestazioni vengono represse nel sangue. Chi chiede un futuro migliore viene imprigionato e torturato”.

In molti avevano lasciato l’aula quando a prendere la parola era stato Ahmadinejad. Compresi i rappresentanti italiani, quando il presidente iraniano ha cominciato a parlare di “potenze arroganti con chi mette in discussione l’Olocausto o l’11 settembre”.