ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gerusalemme blindata per discorso Anp all'Onu

Lettura in corso:

Gerusalemme blindata per discorso Anp all'Onu

Dimensioni di testo Aa Aa

È una Gerusalemme blindata, timorosa di violenze, quella che affronta il giorno del discorso all’Onu del presidente dell’Autorità palestinese Mahmud Abbas.

Ventidue mila uomini mobilitati, accesso alla spianata delle Moschee limitato per paura di tafferugli alla fine delle preghiere.

Come annuncia da tempo, oggi l’Autorità palestinese dovrebbe depositare alle Nazioni Unite la richiesta di ammissione, tanto contrastata da Israele quanto attesa nei territori palestinesi: “Come popolo palestinese, ci piacerebbe avere uno Stato, come tutti gli altri popoli”,dice un’abitante di Ramallah, “Abbiamo diritto all’autoderminazione. E tutti sanno che Israele è il bambino viziato dell’America che può fare quello che vuole”.

Una proposta che divide l’Occidente ma lascia perplesso anche qualche palestinese: “Non abbiamo ancora una riconciliazione nazionale, come possiamo avere negoziati? Come possiamo andare alle Nazioni Unite quando non siamo neppure organizzati per noi stessi?”

La richiesta dovrebbe approdare prima in Consiglio, con gli Stati uniti pronti al veto. E poi all’Assemblea Generale, dove i consensi ci sono e potrebbero sfociare in uno status da Paese osservatore.