ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un eroe dell'11 Settembre: l'opera

Lettura in corso:

Un eroe dell'11 Settembre: l'opera

Dimensioni di testo Aa Aa

Raccontare l’eroismo, l’amicizia, la guerra, l’amore: Heart of a Soldier, il cuore, l’essenza di un soldato, è un’opera contemporanea messa in scena a San Francisco in prima mondiale a poche ore dal decennale dell’11 Settembre.

Nella città fra le più progressiste d’America, con un teatro dell’opera che ha il coraggio di osare, è possibile seguire la storia di Rick Rescorla, uomo coraggioso, dallo spirito temerario e avventuroso.

Sullo sfondo degli attentati che dieci anni fa sconvolsero il mondo, un’opera complessa e accessibile insieme, ricca di problematiche.

Così la regista Francesca Zambello: “Penso sia importante sottolineare che questa non è solo un’opera sull’11 Settembre… certo, è giusto commemorare oggi quel che è accaduto dieci anni fa, ma secondo me la portata è tale che non vorrei limitarmi all’evento in sé. Sono tante le questioni in ballo: ‘Che cosa rappresenta l’America? Qual è il suo posto nel mondo? Come rendere omaggio a quanti sono caduti in nome della democrazia? Il rapporto Cristianesimo – Islam; perché c‘è stato l’11 settembre? che cosa fa l’essenza di un soldato?’”

Rick Rescorla, responsabile della sicurezza di una delle Torri gemelle, l’11 settembre ha portato in salvo oltre 2.700 per poi perire sotto il crollo dell’edificio, in cui era rientrato per un ultimo controllo.

Per Thomas Hampson, grande baritono americano che dà voce e corpo al protagonista, “un eroe è una persona normale che a un certo punto, quando diventa improvvisamente necessario, ha la forza di andare al di là della vita, e questo in virtù del pericolo o della necessità di tutelare le vite altrui.

Rick Riscorla si è reso autore di azioni eccezionali, la sua è una grande storia, ma era una persona normale, di quelle che vorremmo sempre avere intorno – era un uomo buono, un uomo perbene.”

Questa è anche una storia di amicizia – tra Rick a Dan Hill, suo compagno in battaglia, in Vietnam, per esempio, e amico fedele negli alti e bassi della vita.

Una vita ricca di sorprese quella di Rick, che incontrerà l’amore della sua vita solo dopo i cinquant’anni.

“Questi sono due cinquantenni, fa notare la Zambello, niente a che vedere coi vari Mimi e Rodolfo che a vent’anni si amano. Ma cosa facciamo con quelli più in là cogli anni? Dopo tutto, l’età media del nostro pubblico è ben altra! per cui per me è emozionante, e sexy, che queste due persone si mettano insieme a cinquattotto e cinquant’anni!”

Ma quella splendida mattina dell’11 settembre 2001, sotto un cielo assurdamente blu, la vita di Nick Rescorla e di centinaia di newyorkesi venne tragicamente spezzata.

“Secondo me la sua coscienza non gliel’avrebbe mai perdonata se non avesse salvato gli ultimi rimasti dentro, sostiene Thomas Hampson. E credo che fosse convinto che restasse un po’ di tempo. Chi avrebbe detto che le due torri sarebbero crollate entro l’una del pomeriggio? Rick è tornato dentro perché non era sicuro al cento per cento che tutte le persone di cui era responsabile avessero lasciato l’edificio: lui era ancora in grado di camminare, era ancora forte, dunque è rientrato – questo era Rick Riscorla.”

Nel corso del servizio è possibile ascoltare alcuni momenti dell’opera “Heart of a Soldier” di Christopher Theofanidis e Donna Di Novelli.