ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

R.e.m., fine di una storia rock lunga 31 anni

Lettura in corso:

R.e.m., fine di una storia rock lunga 31 anni

Dimensioni di testo Aa Aa

In qualche modo è davvero “la fine del mondo come noi lo conosciamo”, come cantavano più di venti anni fa. Quello della musica non sarà più lo stesso senza i R.e.m., che 31 anni e 80 milioni di dischi venduti dopo si lasciano.
 
Una delle band più longeve del rock. Era sopravvissuta all’abbandono di uno dei fondatori, il batterista Bill Berry nel 1997. Mai sostituito: da allora a piatti e tamburi solo turnisti.
 
Perché i R.e.m (acronimo di rapid eyes movement, la fase del sonno nella quale gli occhi si muovono pur essendo chiusi) erano loro: Michael Stipe alla voce, Peter Buck alla chitarra, Mike Mills al basso. Lontani dai riflettori nella loro Athens, Georgia, quando non c’era da portare in giro le loro canzoni: “Losing my religion” il primo successo planetario, poi tante altre.
 
Ma come ha detto Stipe nel comunicato con cui ha annunciato via internet lo scioglimento del gruppo, ringraziando i fan, “tutto ha una fine”.