ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scontri in Yemen, oltre cinquanta morti

Lettura in corso:

Scontri in Yemen, oltre cinquanta morti

Dimensioni di testo Aa Aa

 
Decine di miliaia di persone sono tornate a scendere in piazza nello Yemen all’indomani di una manifestazione anti-governatisa repressa dall’esercito. In due giorni di scontri i morti sono più di cinquanta.
 
I disordini più gravi si sono verificati nella capitale San’a. Alcuni morti si registrano anche a Taez, altro epicentro della protesta esplosa a febbraio per chiedere la fine del regime ultratrentennale di Ali Abdullah Saleh. Il Presidente yemenita si trova in Arabia Saudita per curarsi dalle gravi ferite riportate in seguito a un tentativo di assassinio.
 
Le violenze sono esplose mentre i manifestanti cercavano di spingersi in aree di San’a controllate dalle forze governative. “Tutte le aree urbane e di confine di San’a sono sotto il controllo delle forze di Saleh – dice un dissidente -. Hanno attaccato i residenti locali e i nostri sostenitori”.
 
Sul fronte diplomatico, alcuni Stati del Golfo hanno fatto sapere di avere inviato a San’a una delegazione di rappresentanti per cercare di completare il piano per la transizione del potere. Intanto l’organizzazione internazionale Oxfam avverte: lo Yemen corre il rischio di una catastrofe alimentare.