ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Manovre diplomatiche per bloccare domanda Onu Stato Palestinese

Lettura in corso:

Manovre diplomatiche per bloccare domanda Onu Stato Palestinese

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Premier palestinese Salam Fayyad ha incontrato a New York il ministro della Difesa israeliano Ehud Barak mentre l’opera di dissuasione del Quartetto per il Medioriente continua per convincere l’Anp a non richiedere il riconoscimento dello Stato Palestinese alle Nazioni Unite.

Il pressing dei rappresentanti di Stati Uniti, Russia, Unione Europea e Nazioni Unite puntano ad evitare un confronto carico di tensioni in seno al Consiglio di Sicurezza. Confronto il cui esito negativo è già previsto, dal momento che gli Stati Uniti porranno il proprio veto. A Gaza l’appoggio all’iniziativa di Mahmud Abbas è ampio.

“E’ tempo che l’Onu riconosca lo Stato” dice un residente di Gaza. “Ma sfortunatamente ci presentiamo alle Nazioni Unite con il popolo palestinese ancora diviso tra la Striscia di Gaza e la Cisgiordania occupata”.

Nei territori occupati la data del 23 settembre è attesissima: il Presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese Abbas intende presentare la domanda di adesione dello Stato Palestinese all’Onu sulla base delle frontiere del 1967: Cisgiordania, Striscia di Gaza, Gerusalemme Est.