ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Socialisti francesi, tutti i candidati alla sfida delle primarie

Lettura in corso:

Socialisti francesi, tutti i candidati alla sfida delle primarie

Dimensioni di testo Aa Aa

Chi sfiderà Nicolas Sarkozy alle presidenziali 2012 in Francia lo decideranno le primarie. La sinistra d’ Oltralpe ha aperto all’elezione democratica del candidato chiamato a riportare il partito socialista all’Eliseo da cui manca dal 1988.

Viste le divisioni interne questa consultazione è assurta a vera e propria saga seguita da milioni di francesi come testimonia il pieno d’ascolti registrato dal primo dei tre dibattiti trasmesso in TV. Le primarie francesi si ispirano alla democratizzazione del Partito promossa dal centrosinistra italiano, ma rivendicano una vera scelta del candidato nell’ambito di competizione aperta.

Sei i protagonisti della sfida: tra i giovani Arnaud Montebourg, 48 anni, capo della sinistra del Partito Socialista. Manuel Valls, 49 anni già sindaco nonché deputato. Ci riprova Segolène Royal, 57 anni, già sconfitta alle presidenziali 2007. Favorito è invece il suo ex compagno Francois Hollande, 57 anni, ex capo del Partito; contende la vittoria all’attuale leader, la 61enne Martine Aubry. Ma c‘è anche un canditato esterno al Ps: Jean Michel Baylet, 64 anni, leader della formazione radicale della Sinistra.

La consultazione sarà aperta a tutti, anche ai non iscritti. Basterà pagare il contributo di un euro per l’organizzazione e firmare la carta dei valori della sinistra. Il voto si svolgerà in tutto il Paese in due turni, il primo il 9, il secondo il 16 ottobre.

L’eliminazione progressiva dei contendenti non si annuncia indolore. La battaglia politica è senza esclusione di colpi e alcuni osservatori prevedono un inasprimento dei toni finora inedito, ma pericoloso per la credibilità stessa del Partito in vista del confronto con la destra.

Centrale il tema dell’ economia e di una riforma che rimetta i conti in ordine: al di là dei personalismi potrebbero essere i dolorosi ma inevitabili tagli alla spesa sociale a decidere il candidato chiamato dal popolo della sinistra a sfidare la corazzata UMP.