ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La crisi dell'eurozona preoccupa Usa e Cina

Lettura in corso:

La crisi dell'eurozona preoccupa Usa e Cina

Dimensioni di testo Aa Aa

L’allarme internazionale sulla crisi del debito nell’eurozona spinge il ministro del tesoro americano, Timothy Geithner, a tornare in Europa pochi giorni dopo il suo intervento a Marsiglia. Parteciperà all’Ecofin in Polonia, il 16 settembre. Anche il primo ministro cinese, intervenendo al World economic forum di Dalian, si dimostra preoccupato: “Tutti i governi – afferma – debbono assumersi la responsabilità dei rispettivi problemi. Quelli dei Paesi più sviluppati – aggiunge – debbono adottare adeguate politiche fiscali per affrontare la crisi dei debiti sovrani”.

La crisi dell’euro rappresenta insomma una delle principali inquietudini delle prime due economie del pianeta, per gli effetti che sta già producendo a livello mondiale.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha detto che il default della Grecia va evitato a tutti i costi e ha sollecitato i suoi ministri a non lasciarsi andare a commenti inappropriati su possibili fallimenti pilotati o uscite dalla moneta unica, pena forti turbamenti dei mercati.

Si terrà oggi pomeriggio la videoconferenza tra Angela Merkel, il presidente francese Sarkozy e il premier greco Papandreu per manifestare sostegno al governo greco e chiedergli un accresciuto impegno per il risanamento.