ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Europa inciampa sugli Eurobond

Lettura in corso:

L'Europa inciampa sugli Eurobond

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Europa inciampa sul cammino verso gli Eurobond. La Germania ha risposto un secco “no” all’idea delle obbligazioni europee rilanciata a Strasburgo dal Presidente della Commissione. Pur ammettendo che non si tratta di una panacea, José Manuel Durao Barroso ha difeso gli Eurobond, confermando che l’Unione europea andrà avanti per questa strada: “Questa è una battaglia per il futuro economico e politico dell’Europa – ha detto Barroso. Questa è una battaglia per quello che l’Europa rappresenta nel mondo. Questa è una battaglia per la stessa integrazione europea”.

Spalmare il debito tra i 17 Paesi dell’Eurozona è un’ipotesi che non piace affatto alla Germania, prima economia europea, che storce il naso di fronte all’idea di imporla agli elettori tedeschi: “Il Signor Barroso non parla per il governo tedesco – ha detto il ministro delle Finanze e vice-cancelliere tedesco Philipp Rösler in visita a Roma -. Voglio sottolineare che in Germania la Corte Suprema ha appena emesso un verdetto nel quale si mette in chiaro che un vincolo senza limiti della Germania non è possibile senza l’approvazione del Parlamento tedesco”.

Ad alimentare la confusione in seno alla leadership europea ci si mettono proposte bizzarre, lanciate poi smentite, come quella di mettere a mezz’asta negli edifici pubblici dell’Unione la bandiera degli Stati troppo indebitati.