ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia: accuse di fondi neri dall'Africa a Chirac

Lettura in corso:

Francia: accuse di fondi neri dall'Africa a Chirac

Dimensioni di testo Aa Aa

Robert Bourgi: l’uomo che ha aperto il vaso di Pandora dei fondi neri tra Africa e Francia. La procura di Parigi ha aperto un’inchiesta sulle accuse dell’avvocato franco-libanese all’ex Presidente Jacques Chirac, all’ex Premier Dominique De Villepin e a Jean-Marie Le Pen. Aver incassato decine di milioni di dollari provenienti da governi africani per finanziare partiti e campagne presidenziali.

Bourgi, già consigliere di Chirac per gli affari africani, cita Senegal, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Gabon e Gongo come sponsor occulti nel quadro di quel sistema politico-economico che dagli anni Sessanta ha caratterizzato la politica francese, la cosiddetta ‘FranciAfrica’.

Bourgi, secondo cui la campagna presidenziale anti-immigrazione del Front National del 1988 era stata finanziata dal Gabon di Omar Bongo, intrattiene strette relazioni con l’attuale Presidente Nicolas Sarkozy, che lo ha insignito della legion d’onore nel 2007.