ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Champions: si parte! Ma il Milan va al Camp Nou senza Ibra...

Lettura in corso:

Champions: si parte! Ma il Milan va al Camp Nou senza Ibra...

Dimensioni di testo Aa Aa

Parte la Champions League edizione 2011/2012 e si inizia subito con un big match. I campioni d’Europa e Spagna in carica, affrontano i campioni italiani.

Si accende la sfida tra Barcellona e Milan al Camp Nou e arriva subito la bomba: Ibrahimovic è rimasto in Italia, infortunatosi all’adduttore e non sarà quindi in campo ad affrontare i suoi vecchi compagni di squadra.

Sempre per quanto riguarda il gruppo H, martedi’ sera i cechi del Viktoria Plzen ospiteranno i bielorussi del Bate Borisov.

André Villas Boas, dopo aver portato nella passata stagione al trionfo in Europa League il Porto, è pronto per la Champions.

Il suo Chelsea, che in campionato ha finora collezionato tre vittorie e un pareggio, giocherà in casa, allo Stamford Bridge, contro il Bayer Leverkusen.

E tra le fila avversarie ci sarà il grande ex, Michael Ballack.

“Mi sento sempre il benvenuto, dai fan, dal club.. mi trattano molto bene. Con il successo che abbiamo avuto, avremmo potuto vincere qualche titolo in piu’, è vero, abbiamo perso qualche chances. Comunque, mi ricordero’ sempre di tutto cio’ e sarà per sempre parte della mia carriera”.

L’altra sfida del gruppo E, vedrà opposti, sul campo della Cristal Arena, il campione in carica del Belgio, il Genk e il Valencia di Emery, reduce da un buon inizio in Liga.

Chi invece non ha iniziato nel migliore dei modi il campionato casalingo è il Borussia Dortmund. I campioni di Germania affronteranno l’Arsenal di Wenger.

Il tecnico francese deve pero’ fare i conti con l’infermeria. Non scenderanno in campo infatti, oltre ai ‘lungo degenti’ Vermaelen e Wilshere, i neo infortunati Ramsey e Rosicky.

Nello stesso gruppo dei Gunners, il Marsiglia di Deschamps vola in Grecia, per sfidare i campioni ellenici dell’Olympiakos.

Sarà un match interessante anche quello che vedrà opposti all’Estádio do Dragão, i vincitori dell’Europa League e lo Shakhtar di Lucescu.

Pereira deve dimostrare che il Porto sa vincere anche senza lo ‘special two’, mentre il tecnico rumeno deve provare a ripetere le imprese che la scorsa stagione lo hanno portato fino ai quarti.

Intanto lo Zenit San Pietroburgo di Spalletti, attuale leader della Premier Liga russa, ospiterà i greci dell’APOEL.