ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In Pennsylvania l'omaggio agli "eroi" del volo 93

Lettura in corso:

In Pennsylvania l'omaggio agli "eroi" del volo 93

Dimensioni di testo Aa Aa

A colpire i luoghi simbolo degli Stati Uniti l’11 settembre 2001 avrebbero dovuto essere quattro aerei. Solo uno non ha raggiunto il suo obiettivo, grazie a quelli che ormai sono considerati gli eroi del volo 93 della United Airlines. Anche a loro ex-presidenti e rappresentanti delle più alte cariche istituzionali nordamericane hanno reso omaggio in Pennsylvania.

È in un campo di Shanksville che è precipitato l’aereo con il quale i dirottatori volevano colpire il Campidoglio o la Casa Bianca a Washington. George W. Bush, l’11 settembre era presidente degli Stati Uniti: “Quello che è successo in questo campo della Pennsylvania è tra gli atti più coraggiosi della storia americana – ha detto -. Il ricordo che vi dedichiamo oggi farà sì che la nostra nazione abbia sempre nella mente chi è morto qui l’11 settembre”.

Visibilmente commosso, anche l’ex-presidente Bill Clinton ha ricordato passeggeri e membri dell’equipaggio: “Hanno fatto un dono incalcolabile all’intero Paese – ha detto -. Hanno salvato il Campidoglio dall’attentato. Hanno salvato non si sa quante vite. Hanno impedito ai terroristi di potere dichiarare una vittoria simbolica per avere distrutto il cuore del governo americano”.

Su un lungo muro di marmo bianco sono scritti i nomi delle quaranta persone che quel giorno viaggiavano a bordo del volo 93. Parte di un complesso commemorativo che oggi sarà al centro, come Ground Zero, di una serie di iniziative dedicate al decennale dell’11 settembre. Vi parteciperà anche Barack Obama, che ad Arlington, in Virginia, ha reso omaggio ai militari uccisi in Iraq e Afghanistan, nella guerra al terrore ingaggiata dagli Stati Uniti dopo l’11 settembre.