ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Giappone ricorda le vittime dello tsunami dell'11 marzo

Lettura in corso:

Il Giappone ricorda le vittime dello tsunami dell'11 marzo

Dimensioni di testo Aa Aa

Centinaia di lanterne di carta illuminano il cielo di Fukushima, per ricordare le vittime del disastro dell’11 marzo. Anche la città di Soma – a una quarantina di chilometri dall’impianto nucleare di Daiichi – è stata duramente colpita dallo tsunami di sei mesi fa.

Per molti residenti, questa cerimonia di commemorazione aiuta a sperare nel miglioramento: “Spero che torni ad essere un posto dove possiamo sentirci sicuri – dice un residente -, perché il futuro provoca ansia in tutti noi. Questo tipo di evento è un passo importante verso la ripresa e la ricostruzione”.

Il terremoto e lo tsunami dell’11 marzo sono stati per il Giappone la peggiore catastrofe dalla Seconda Guerra Mondiale. Le autorità nazionali e locali hanno stabilito un periodo di dieci anni per riportare alla normalità le zone devastate del nord-est del Paese, ma in molte aree la ripresa procede a passi lenti.

E il governo, fresco di nomina, inciampa su dichiarazioni già costate il posto a un ministro.