ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Clinton: al Qaida dietro minacce a Stati Uniti

Lettura in corso:

Clinton: al Qaida dietro minacce a Stati Uniti

Dimensioni di testo Aa Aa

La conferma arriva anche da Hillary Clinton: c‘è al Qaida dietro le nuove minacce all’America, rese note da un “attendibile ma non confermato” rapporto.

Il segretario di Stato però invita a guardare l’altra faccia della medaglia: l’essere in possesso di questa notizia dimostra come oggi l’America sia un Paese più sicuro.

“Dieci anni dopo abbiamo fatto importanti passi in avanti”, ha detto Hillary Clinton, “Il nostro governo è meglio organizzato. Il nostro sistema di difesa è più sicuro, come abbiamo visto oggi, e c‘è molto più lavoro da fare”.

Nell’obiettivo dei terroristi ci sarebbero nuovamente New York e Washington.

Il decimo anniversario dell’11 settembre è alle porte. La polizia fa sapere che verrà messa in piedi una vasta operazione antiterrorismo, che sarà una “grande prova di forza”.

“Abbiamo imparato che per sconfiggere veramente la rete del terrore dobbiamo attaccare le loro finanze, i mezzi di reclutamento e i loro paradisi sicuri”, ha dichiarato Hillary Clinton.

E ancora: “Dobbiamo sfidarne l’ideologia, combatterne la propaganda e diminuirne l’appeal, in modo che ogni comunità riconosca la minaccia che gli estremisti rappresentano e poi neghi loro protezione e sostegno. E abbiamo bisogno di efficaci partner internazionali nel governo e nella società civile, che possano estendere questi sforzi in tutti i settori in cui operano i terroristi”.

A dieci anni dal dramma dell’11 settembre il segretario di Stato americano ha annunciato l’imminente organizzazione di un Forum globale contro il terrorismo, presieduto da Stati Uniti e Turchia che coinvolgerà Paesi di tutti i continenti: dall’Australia alla Cina, dall’Italia al Pakistan, dalla Colombia all’Egitto.