ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Borse col fiato sospeso. L'Europa attende Wall Street

Lettura in corso:

Borse col fiato sospeso. L'Europa attende Wall Street

Dimensioni di testo Aa Aa

Cautela sui mercati europei, dopo il tracollo di ieri. Reduci da un lunedì nero costato oltre 250 miliardi di euro, le principali piazze del Vecchio Continente sembrano riprendere il fiato. Rimbalzo a Francoforte e Londra, che sul finire della mattinata guadagnavano oltre 1%. Intorno alla parità le altre e particolarmente nervosa Milano, che dopo aver toccato il suo minimo è tornata a virare in positivo.

“Al momento i mercati stanno mettendo alla prova la politica – l’analisi di François Chaulet di Montsegur Finance -. Nel Vecchio Continente, si registra soprattutto una profonda diffidenza degli anglosassioni verso le politiche dell’Europa e dell’euro-zona”.

Vero banco di prova per le piazze finanziarie sarà però in giornata soprattutto la riapertura di Wall Street, dopo il lungo stop per il weekend del Labor Day. I timori per la crisi del debito europea hanno intanto innescato l’ennesima corsa all’oro, che in mattinata ha stabilito un nuovo record, sfondando il tetto dei 1921 dollari l’oncia.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

(2) Cautela sui mercati europei, dopo il tracollo di ieri. Reduci da un lunedì nero costato oltre 250 miliardi di euro, le principali piazze del Vecchio Continente sembrano riprendere il fiato. Rimbalzo a Francoforte e Londra, che sul finire della mattinata guadagnavano oltre 1%. Intorno alla parità le altre e particolarmente nervosa Milano, che dopo aver toccato il suo minimo è tornata a virare in positivo. (25)

(sot25) “Al momento i mercati stanno mettendo alla prova la politica – l’analisi di François Chaulet di Montsegur Finance -. Nel Vecchio Continente, si registra soprattutto una profonda diffidenza degli anglosassioni verso le politiche dell’Europa e dell’euro-zona”. (12/12)

(37-1’00) Vero banco di prova per le piazze finanziarie sarà però in giornata soprattutto la riapertura di Wall Street, dopo il lungo stop per il weekend del Labor Day. I timori per la crisi del debito europea hanno intanto innescato l’ennesima corsa all’oro, che in mattinata ha stabilito un nuovo record, sfondando il tetto dei 1921 dollari l’oncia. (24)