ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia: Saif al-Islam fuggito verso il deserto

Lettura in corso:

Libia: Saif al-Islam fuggito verso il deserto

Dimensioni di testo Aa Aa

Camioncini, jeep, pick up equipaggiati per l’ultima battaglia.

1500 uomini sono pronti a lasciare la scuola militare di Tripoli trasformata nel quartier generale della ribellione per partire alla volta di Bani Walid, la città feudo della tribu’ dei Warfalla dove potrebbe nascondersi il colonnello Gheddafi.

Il Consiglio nazionale di transizione per evitare un possibile bagno di sangue ha spostato al 10 settembre il suo ultimatum. Ma i ragazzi in armi scalpitano. Ai microfoni di Euronews un capo ribelle ha spiegato che “le ultime informazioni confermano che Saif al-Islam il figlio del colonnello che ha sempre guidato in prima linea i fedelissimi del regime avrebbe lasciato la città dirigendosi con i suoi uomini verso la regione desertica dello Chouiref. Lancio un appello ai capi tribu’ che stanno in città e li invito a raggiungere i ranghi della rivoluzione per evitare un massacro”.

Bani Walid 50 mila abitanti si trova 150 chilometri a sud est di Tripoli. E’ circondata da rilievi montuosi controllati dai lealisti che sono in possesso di armi anticarro e di missili terra-aria.

Se le voci riguardanti la presunta fuga di Saif al-Islam verso sud si rincorrono, nulla di certo trapela sul nascondiglio in cui si troverebbe suo padre.

Gheddafi ormai accerchiato controlla ancora la sua città natale Sirte e l’oasi di Sabha.

Mentre a Tripoli e Misurata sono ormai migliaia gli uomini armati ansiosi di stanarlo. Con il fantasma del colonnello ancora in giro per i libici è difficile voltare davvero pagina