ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Euronews a Tripoli nella base degli orrori

Lettura in corso:

Euronews a Tripoli nella base degli orrori

Dimensioni di testo Aa Aa

Un’esecuzione di massa. Cadaveri – almeno 53 -ammassati uno sopra l’altro, poi bruciati.

Questa la scena che si è presentata di fronte alle telecamere di euronews nella base militare di Al-Yarmouk, ex roccaforte del figlio di Gheddafi, Khamis, presa ieri mattina dai ribelli.

Un uomo cerca suo fratello del quale non ha più notizie dallo scorso giugno, quando fu arrestato.

Un altro ragazzo sostiene che si tratti di prigionieri del regime. La stessa denuncia arriva da Amnesty international: l’organizzazione per i diritti umani ritiene che tra il 23 e il 24 agosto, numerosi oppositori del raìs sarebbero stati uccisi.

Un combattente dei ribelli mostra i luoghi della prigionia, piccole celle con una scodella di cibo e una bottiglia di plastica da usare come orinatoio.

Il fronte di guerra si sposta e svela la fabbrica dell’orrore libico. I giornalisti stranieri presenti a Tripoli hanno visto anche soldati del regime giustiziati in strada. A Tripoli sono i giorni delle rappresaglie.