ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tripoli: caccia agli ultimi lealisti. Liberati i 4 giornalisti italiani

Lettura in corso:

Tripoli: caccia agli ultimi lealisti. Liberati i 4 giornalisti italiani

Dimensioni di testo Aa Aa

A Tripoli i ribelli tentano di prendere il controllo delle ultime sacche di resistenza. Nel centro della capitale libica nessun segno di combattimenti tra insorti e lealisti, quest’ultimi si trovano nel quartiere di Abu Salim, vicino all’ex compound di Gheddafi, Bab Al Aziziya.

Intanto sono stati liberati i quattro giornalisti italiani rapiti ieri. Domenico Quirico della Stampa, Claudio Monici di Avvenire, Elisabetta Rosaspina e Giuseppe Sarcina del Corriere della Sera sono stati salvati da due giovani che hanno fatto irruzione nella casa privata dove erano sequestrati.

Nel compound preso dai ribelli sono stati trovati i cadaveri di alcuni soldati di Gheddafi, come mostra il nastro verde al piede di uno di loro.

“Credo che Gheddafi abbia perso la partita e la lotta contro le forze ribelli, perché quando gli insorti hanno annunciato di aver conquistato Bab Al azizìa per lui è finita”, dice un oppositore. “E’ certo che Gheddafi non puo’ più comandare in Libia da questo momento”.

Gli insorti hanno anche trovato un vasto deposito di carri armati del regime, praticamente intatti, nella base aerea di Metiga, a nord est di Tripoli. L’edificio è stato gravemente danneggiato durante i bombardamenti della Nato.