ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'affaire Strauss-Kahn al capitolo finale

Lettura in corso:

L'affaire Strauss-Kahn al capitolo finale

Dimensioni di testo Aa Aa

Dominique Strauss-Kahn è un uomo libero. La corte penale di Manhattan ha archiviato la causa per stupro che lo vedeva imputato. Per i giudici Nafissatou Diallo, la cameriera dell’hotel che accusa DSK di averla violentata, lo scorso 14 maggio, in una stanza del Sofitel di New York, durante le deposizioni avrebbe ripetutamente mentito.

Ora l’ex direttore del Fondo Monetario Internazionale attende solo che gli venga riconsegnato il passaporto per poter fare rientro in Francia: “Voglio tornare nel mio Paese, ma devo ancora fare alcune cose prima di poter rientrare”.

Ma i guai con la giustizia per DSK non sono finiti: i legali della Diallo hanno aperto una procedura civile, sempre per stupro, in un tribunale del Bronx per ottenere un risarcimento danni. A carico di Strauss-Kahn pende anche un procedimento in Francia e i legali delle vittime fanno fronte comune:

“Siamo certi – dichiara l’avvocato Douglas Wigdor -che l’avvocato Kubbi condurrà in modo aggressivo la sua causa, esattamente come noi porteremo avanti la causa per la signora Diallo”.

In Francia è Tristane Banon ad accusare DSK di tentata violenza. Anche questo caso potrebbe essere archiviato, ma le conseguenze politiche per colui che avrebbe dovuto essere il candidato socialista nella corsa all’Eliseo potrebbero essere fatali.