ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Filippine: un anno fa la strage sull'autobus, l'omaggio alle vittime

Lettura in corso:

Filippine: un anno fa la strage sull'autobus, l'omaggio alle vittime

Dimensioni di testo Aa Aa

Il ricordo delle vittime di Manila, Filippine, a un anno di distanza. Sopravvissuti e familiari in un cerimonia buddista hanno reso omaggio agli otto turisti di Hong Kong morti durante l’assalto all’autobus sequestrato da un ex poliziotto, poi ucciso in un blitz.

Hanno chiesto scuse pubbliche da parte del governo, risarcimenti e un’indagine sui responsabili dell’intervento fallimentare della polizia.

“Ogni volta che guardo la sua fotografia penso a quando era con noi, quando cenevamo assieme”, dice il fratello di Masa Tse, una delle vittime. “Parlava sempre della sua esperienza come guida turistica, il suo amore, la sua voce, non dimenticheremo mai”.

Rolando Mendoza dirottò l’autobus con a bordo 22 turisti cinesi con lo scopo di riottenere il lavoro: era stato licenziato con l’accusa di coinvolgimento in traffico di droga ed estorsione. Per oltre un’ora la polizia non riuscì a salire sull’autobus, perché il dirottatore usò gli ostaggi come scudi umani. Ci riuscì solo dopo aver sparato gas lacrimogeni, ma Mendoza aveva già fatto vittime.