ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: Assad riconosce "alcuni errori" dell'esercito

Lettura in corso:

Siria: Assad riconosce "alcuni errori" dell'esercito

Dimensioni di testo Aa Aa

Sotto la pressione internazionale il presidente siriano riconosce che l’esercito ha commesso “alcuni errori”. Lo ha dichiarato Bashar Al Assad a tre diplomatici del Consiglio di Sicurezza dell’Onu giunti a Damasco per chiedere la fine delle violenze. Il leader siriano ha precisato che gli errori si sono verificati nella prima fase di repressione della contestazione.

Damasco assicura che le truppe hanno lasciato Hama, assediata da oltre una settimana, e per dimostrarlo ha scortato in città un gruppo di giornalisti.

Attivisti anti-governativi riferiscono di blindati in azione a Deir Al Zour e di una quindicina di persone uccise dalla polizia a Homs.

Gli Usa rispondono alla situazione imponendo nuove sanzioni e avvicinandosi a un richiamo sempre più esplicito ad Assad a farsi da parte.

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu, riunitosi ieri sul deteriorarsi della situazione in Siria, intende prendere misure supplementari in mancanza dell’avvio di un dialogo serio dell’immediato stop della repressione.

Anche la Turchia, rimasta uno dei pochi alleati della Siria, si è mostrata sempre più impaziente nei confronti di Damasco. Il premier Tayyp Erdogan ha

ha esortato il paese a cessare lo spargimento di sangue e auspicato l’avvio delle riforme entro dieci-quindici giorni.