ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia e Ucraina fra strette di mano e prezzo del gas

Lettura in corso:

Russia e Ucraina fra strette di mano e prezzo del gas

Dimensioni di testo Aa Aa

Una stretta di mano all’ombra dell’annosa disputa sui prezzi del gas. Il presidente ucraino Victor Janukovyč e il suo omologo russo Dmitri Medvedev si sono incontrati a Sochi, sul Mar Nero, per discutere dell’implementazione dei rapporti commerciali fra i due paesi. Un programma ufficiale, che non maschera tuttavia le persistenti frizioni fra Mosca e Kiev.

“Continuiamo a fare del nostro meglio per risolvere ogni contrasto in merito alle questioni sul tavolo – ha detto Janukovyč -. Il nostro impegno resta come sempre quello a trovare un compromesso. Non vedo altra strada”.

Principale disputa è quella attorno ai prezzi del gas. Argomento da mesi cavalcato dalla Russia è quello che l’Ucraina, aderendo all’unione doganale con Bielorussia e Kazakhstan, otterrebbe sensibili vantaggi economici per l’equivalente di oltre sei miliardi di euro annui.

Le tariffe ora in vigore sono quelle relative al controverso contratto siglato nel 2009 con la russa Gazprom e costato l’accusa di abuso di potere a Yulia Timoshenko. Attualmente sotto processo perché sospettato di aver imposto prezzi sfavorevoli al suo paese aggirando il controllo del governo, l’ex premier ucraino denuncia dal canto suo una persecuzione politica, volta a metterla fuori gioco, in vista delle prossime elezioni legislative e presidenziali.