ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: Ministro Esteri turco a colloquio con Assad

Lettura in corso:

Siria: Ministro Esteri turco a colloquio con Assad

Dimensioni di testo Aa Aa

Sempre più isolato, abbandonato anche dai più storici alleati, ma comunque determinato a reprimere le proteste. Il Presidente siriano Bashar Al-Assad non indietreggia di un millimetro davanti alle pressioni internazionali.

Sei ore di colloqui a Damasco tra il dittatore e alti rappresentanti del regime e il ministro degli Esteri turco Ahmet Davutoglu: 6 ore durante le quali il responsabile della diplomazia di Ankara ha espresso le aspettative del suo Paese per una fine immediata della repressione:

“Abbiamo avuto l’occasione di esprimere in maniera netta e trasparente al Presidente Assad i passi che vanno intrapresi per impedire che l’esercito affronti la popolazione, per impedire ulteriori tensioni come quelle verificatesi ad Hama” ha detto in conferenza stampa.

Secondo stime non verificabili in maniera indipendente sono circa 1.600 le persone uccise in Siria dall’inizio delle proteste. Il Presidente Assad ha insistito nel parlare di militanti che puntano a destabilizzare il Paese. Unico Stato ad appoggiare questa linea, citando interessi statunitensi, è ormai l’Iran di Ahmadinejad.

Andrea Neri