ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Birmingham: rabbia e appelli alla calma dopo morte di tre persone

Lettura in corso:

Birmingham: rabbia e appelli alla calma dopo morte di tre persone

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel Regno Unito cresce la rabbia per la morte di tre persone a Birmingham, teatro – come altre città britanniche – di violenti scontri. Gli appelli alla calma si moltiplicano, dopo che tre uomini sono stati travolti da un’auto. Intenzionalmente, sostengono molti testimoni, anche se resta da accertare il legame tra l’episodio e i disordini in atto.

“Ho sentito il rumore – racconta Haroon Jahan, padre della vittima più giovane -, mi sono precipitato e ho visto tre persone a terra. Il mio istinto mi ha detto di aiutare queste persone. Non sapevo chi fossero, chi fosse rimasto ferito. Ho aiutato un uomo e poi qualcuno mi ha detto che c’era anche mio figlio, che anche lui era lì, dietro di me. Ho cercato di rianimarlo. Il mio volto era coperto di sangue, le mie mani erano coperte di sangue. Ho tre figli, due maschi e una femmina. Anzi, avevo tre figli. Era il più giovane”.

Le autorità hanno arrestato il conducente dell’auto e aperto un’inchiesta per omicidio. Le vittime avevano tra i 20 e i 30 anni. Appartenevano alla comunità asiatica. Così come molti altri residenti di Birmingham, anche loro erano usciti in strada nel tentativo di proteggere la comunità dai saccheggi in corso. “Lavoriamo sodo giorno e notte, queste persone non lavorano – dice un residente -, prendono i sussidi di disoccupazione. La polizia non fa nulla, non fa il proprio dovere, non lo fa”.

Così come in altre città, anche a Birmingham sono state arrestate centinaia di persone. Ora gli abitanti chiedono che sia fatta luce al più presto su quest’ultimo grave episodio.