ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

UK: guerriglia a Londra, Liverpool, Birmingham

Lettura in corso:

UK: guerriglia a Londra, Liverpool, Birmingham

Dimensioni di testo Aa Aa

Da disordini di quartiere a crisi nazionale. Londra piomba nel caos della violenza per la terza notte consecutiva e le proteste si espandono ad altre città del Regno Unito: da Brimingham a Liverpool.

Dall’inizio degli scontri tra forze dell’ordine e giovani manifestanti, sabato, il numero di persone fermate è salito a 239. Si tratta in gran parte di giovani e adolescenti tra cui compare anche un ragazzino di 11 anni.

Edifici in fiamme, negozi distrutti, saccheggi che si moltiplicano: una situazione che ha costretto il Premier David Cameron ad interrompere le vacanze in Toscana per rientrare d’urgenza nella capitale.

Le proteste sono scoppiate sabato a Tottenham, quartiere popolare a Nord di Londra, a seguito dell’uccisione di Mark Duggan, 29 anni, durante un’operazione di polizia. E dall’estremo Nord le violenze hanno contagiato Croydon, all’estremo Sud, Lewisham, ad Est, per poi passare a Liverpool come a Birmingham dove la polizia ha arrestato più di 100 persone.

Tottenham, periferia povera e multietnica, era già stata teatro di disordini nel 1985 a seguito di un analogo episodio: la morte di Cinthya Jarret, colta da infarto durante una perquisizione della polizia venuta a cercare il figlio, scatenò la rivolta. Finì con 250 arresti. E la morte di un agente ucciso a colpi di mannaia.

Andrea Neri