ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Londra nel caos: reazione dei residenti

Lettura in corso:

Londra nel caos: reazione dei residenti

Dimensioni di testo Aa Aa

Vandalismo senza nessun tipo di giustificazione oppure comprensibile esplosione di rabbia dei quartieri meno abbienti? Il nostro corrispondente a Londra Ali Sheikalislami ha raccolto le reazioni di alcuni residenti di Brixton, quartiere Sud della capitale britannica:

“E’ ignobile, è ignobile” si sfoga una signora. “Cioè, alla fine, cosa c’entra tutto questo con il ragazzo ucciso dalla polizia?”.

“Ci vorrà un po’ perchè la gente si calmi e ci vorranno un sacco di soldi per rimettere a posto tutti i negozi distrutti” commenta una giovane.

“I disordini di questo tipo in Inghilterra non hanno mai risolto i problemi” è la premesse di un ragazzo di colore. “Ma noi vogliamo essere ascoltati, vogliamo giustizia, vogliamo una fetta della torta. Viviamo a Brixton, nessuno ci regala niente. Ne abbiamo le scatole piene e se la gente fa scoppiare il putiferio, che così sia. Capisci? Io non condivido, ma ne abbiamo abbastanza”.

“Quando manca giustizia sociale arriva un’ondata di sdegno, un’esplosione di rabbia” ricorda Lee Jasper, attivista per la parità dei diritti. “Martin Luther King lo ha detto: se non si ascolta chi non ha voce, prima o poi si farà ascoltare. Potrà non piacervi quel che sentite ma si farà sentire”.