ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina: negata la libertà provvisoria alla Timoshenko

Lettura in corso:

Ucraina: negata la libertà provvisoria alla Timoshenko

Dimensioni di testo Aa Aa

Yulia Timoshenko resterà in prigione durante il processo a suo carico. Il giudice ha rifiutato la domanda di libertà provvisoria. L’ex premier ucraino era stata arrestata in aula venerdì per l’atteggiamento irriverente verso la Corte. La Timoshenko, pasionaria della Rivoluzione Arancione, nel 2004, ha accusato il giudice di essere un “mafioso, un pupazzo nelle mani del presidente Ianukovich”. Migliaia di sostenitori si sono radunati di fronte al palazzo di giustizia per chiedere la liberazione della Timoshenko. Il marito Alexander:

“Spero che l’amministrazione ucraina sia abbastanza intelligente da cambiare le misure preventive e rilasciarla”.

L’ex premier resta la principale rivale del capo di stato in vista delle presidenziali del 2015. Un analista:

“Una sentenza a lungo termine per la Timoshenko, potrebbe provocare una pesante crisi politica”.

Yulia Timoshenko è imputata per abuso di potere. E’ accusata di aver imposto alla società energetica statale un accordo con il colosso russo Gazprom, sull’importazione di gas, a prezzi svantaggiosi per l’Ucraina e senza aver consultato il governo.

L’ex premier si dice vittima di un processo “farsa”. Rischia dai sette ai dieci anni di carcere.