ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berlusconi: pareggio di bilancio anticipato al 2013

Lettura in corso:

Berlusconi: pareggio di bilancio anticipato al 2013

Dimensioni di testo Aa Aa

Anticipare al 2013 il pareggio di bilancio e inserirne il principio nella costituzione. In una conferenza stampa Silvio Berlusconi risponde a mercati, partner sociali ed Europa preoccupati per la situazione economica italiana.

Il primo ministro dice che quello che succede nel mondo “non è da ascrivere a nessun governo” e denuncia “una speculazione internazionale sull’Italia”.

“Lavoreremo da subito attraverso il Parlamento per introdurre nella nostra Costituzione il principio dell’equilibrio di bilancio”, afferma Berlusconi.

Altro obiettivo introdurre il principio che ai soggetti economici è consentito tutto, tranne quello che è vietato espressamente dalla legge. Poi il colloquio con Sarkozy: “Abbiamo preso la decisione con il Presidente della Repubblica Francese Sarkozy di anticipare a fra pochi giorni la convocazione di un G7”.

Una riflessione più che una decisione ha poi precisato il portavoce Bonaiuti.

Annunci che arrivano al termine di una giornata turbolenta per i mercati europei, segnati da alti e bassi. Milano chiude in ribasso di 0,70 che porta a meno 13% il bilancio dell’intera settimana, la peggiore dal marzo 2009.

In rosso tutte le borse europee con perdite di quasi tre punti per Londra e Francoforte. Il dato migliore del previsto sull’occupazione statunitense non calma i timori legati alla crisi del debito.

Mentre Wall Street chiude contrastata: positivo il Dow Jones, in ribasso il Nasdaq.