ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crisi finanziaria, Londra guarda con apprensione ai governi europei

Lettura in corso:

Crisi finanziaria, Londra guarda con apprensione ai governi europei

Dimensioni di testo Aa Aa

Londra guarda all’Europa con preoccupazione. È l’effetto della crisi finanziaria a scuotere la City e a indurre il ministro delle Finanze britannico George Osborne a ribadire la necessità per Spagna e Italia di mantenere la parola in termini di riduzione del debito. Opinione condivisa dagli analisti londinesi:

Derek Halpenny, Global Currency Research: “L’aspetto più importante ora è che le autorità europee agiscano in fretta per rassicurare i mercati sulla ripresa dello sviluppo. Il rischio altrimenti è che alla fine del mese la situazione torni a complicarsi”.

Un’incertezza che fa traballare i propositi dello stesso governo britannico alle prese con un piano di risanamento dei conti pubblici tra i più duri del Vecchio Continente.

Charlie Diebel, Lloyds Bank: “È davvero un processo di lungo periodo, la ripresa economica durerà ancora degli anni. Ovviamente non si riuscirà ad ottenere una immediata compressione degli spread, i problemi non scompaiono in un momento, ma la cosa migliore che i politici europei possono fare è accordarsi sulle manovre in grado di stabilizzare i mercati per bloccare questa altalena”

Un timore che turba le vacanze dei big del governo Tory alle prese con una girandola di consultazioni con gli omologhi europei.