ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: sciopero taxi blocca porti e aeroporti

Lettura in corso:

Grecia: sciopero taxi blocca porti e aeroporti

Dimensioni di testo Aa Aa

Auto gialle, giornata nera ieri in Grecia. A fare le spese dello sciopero ad oltranza dei tassisti contrati alla liberalizzazione delle licenze sono in primo luogo i turisti. Bloccati porti e aeroporti in tutto il Paese, a cominciare dall’isola di Creta dove, in un’estate che non decolla, molti europei vanno a cercare il sole vero. Il sole c‘è, ma anche il disagio di trascinarsi le valige a mano.

“Personalmente mi pare ridicolo” è la reazione di un viaggiatore britannico. “I turisti non hanno nulla a che vedere con i problemi della Grecia e credo anzi che, soprattutto in una difficile situazione finanziaria, anche i tassisti dovrebbero tenere in considerazione che i soldi di chi viaggia qui fanno bene al Paese”.

“Stanno bloccando l’aeroporto. Cos‘è, il loro?” si arrabbia una cittadina greca. “Facciano lo sciopero, non lavorino, non guadagnino. Ma perché bloccare porti e aeroporti!”.

In un Paese per il quale il turismo rappresenta il 16% del Pil, il braccio di ferro tra governo e professione per deregolamentare il settore non è una buona notizia. L’intervento della polizia ha fatto vivere alcuni momenti di tensione, ma non ci sono stati feriti. Solo uno spettacolo gratis per vacanzieri.

Andrea Neri