ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Castro: Cuba rivedrà restrizioni sui viaggi all'estero

Lettura in corso:

Castro: Cuba rivedrà restrizioni sui viaggi all'estero

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Parlamento cubano dice sì al piano di riforme di Raul Castro, che mirano ad iniettare una buona dose di lavoro privato nell’economia dell’isola in pesante stagnazione.

Dopo il voto, il presidente cubano ha fatto un annuncio atteso da tempo dalla popolazione: ci sarà una revisione delle restrizioni sui viaggi all’estero e della politica sull’immigrazione.

“Liberiamo le nostre teste da tutto ciò che non ha più senso”, ha detto Castro, “Non dimentichiamo che la prima decade del 21esimo secolo è già finita e che i tempi sono maturi”.

Oggi un cubano per espatriare deve avere un passaporto, un invito certificato da un consolato, una “carta bianca” rilasciata a discrezione delle autorità, senza possibilità di ricorso: il tutto per 400 dollari, davanti a un salario medio inferiore ai 20 dollari.

Castro non ha fornito dettagli sulle nuove regole, che permetteranno, ha detto, agli emigrati cubani partiti soprattutto per ragioni economiche, di ristabilire i legami con le famiglie.

Da vedere come si concretizzerà l’annunciata liberalizzazione del settore della compravendita immobiliare, un possibile business futuro a cui guardano i cubani di Miami.