ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Organizzazione diritti umani: 120 i morti in Siria

Lettura in corso:

Organizzazione diritti umani: 120 i morti in Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

I blindati siriani hanno attaccato all’alba, penetrando da quattro direzioni diverse a Hama, teatro delle più grandi manifestazioni contro il presidente Bachar al Assad.

Un assalto riprodotto dai video diffusi su internet e che avrebbe fatto più di 95 morti in questa città della Siria centrale, a 210 chilometri circa da Damasco.

Altre 20 vittime a Deir el Zor, nell’est, dove secondo l’opposizione decine di soldati avrebbero disertato.

Finora, denuncia l’organizzazione nazionale dei diritti umani, sono più di 120 le persone uccise in tutto il paese in un solo giorno.

“L’esercito è lì per rimuovere i blocchi stradali e le barricate costruite da gruppi armati”, ribatte l’agenzia di stato, e per fermare i cecchini che con mitragliatrici e razzi sparano dai tetti ^sulla popolazione.

L’ambasciata statunitense parla invece di autorità siriane “disperate…che combattono una guerra aperta contro i loro stessi cittadini”.

Una repressione che per le ONG, da metà marzo ha causato circa 2000 morti, 25 mila arresti e 3 mila scomparsi.