ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scandinavia in silenzio per ricordare vittime Norvegia

Lettura in corso:

Scandinavia in silenzio per ricordare vittime Norvegia

Dimensioni di testo Aa Aa

La Norvegia si ferma per un minuto di fronte al massacro dell’intolleranza. Il silenzio, deciso da re Harald e dal primo ministro Jens Stoltenberg, è stato osservato anche in Danimarca, Svezia e Finlandia.
 
Sarebbero 93 i morti del doppio attentato di Oslo e dell’isola di Utoya, ma solo in giornata si avrà un bilancio ufficiale.
 
“Un pazzo – dice una giovane della capitale - lavoro qui vicino e ho avuto paura e solo dopo ho saputo della sparatoria sull’isola…”
 
“Ero a pochi isolati quando ho sentito l’esplosione – è la testimonianza di una donna - Sembrava una zona di guerra, è stato traumatico”.
 
La strage ha colpito anche la famiglia reale norvegese. Fra le vittime di Breivik sull’isola di Utoya vi è anche il cognato del principe ereditario Haakon.
 
Anders Behring Breivik ha detto di aver agito da solo. E solo avrebbe maturato il suo delirio: il padre, residente in Francia, ha raccontato di non avere più contatti con lui dal 1995.