ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Polizia norvegese criticata per lentezza soccorsi

Lettura in corso:

Polizia norvegese criticata per lentezza soccorsi

Dimensioni di testo Aa Aa

Nella Norvegia in lutto, la polizia deve ora rispondere della lentezza dei soccorsi.

La richiesta di aiuto degli adolescenti braccati sull’isola di Utoya è stata quasi immediata.

Eppure il tiratore ha avuto almeno un’ora di tempo per uccidere, sparando tra i ragazzi del campo estivo del partito laburista.

La polizia era pronta a intervenire ma ha atteso l’arrivo di un’unità speciale dalla capitale.

“Hanno ricevuto la prima chiamata alle 17,26”, spiega il capo della polizia di stato Johan Fredriksen, “La nostra unità antiterrorismo era sull’isola alle 18,25 e l’indagato è stato arrestato alle 18,27”.

Il problema sono stati i trasporti: un battello troppo piccolo che imbarcava acqua, l’unico elicottero pare fosse troppo lontano, gli agenti sono andati in macchina.

Unica cosa certa è che, davanti alla polizia finalmente sull’isola, Anders Behring Breivik si è arreso subito, senza opporre resistenza.